Tino Aime

Nato a Cuneo nel 1931, risiede a Bastia di Gravere, in Val di Susa.

Dopo aver frequentato la Libera Accademia di Torino sotto la guida di Idro Colombi ha iniziato ad esporre come scultore per poi dedicarsi alla pittura e alla grafica di cui è interprete conosciuto anche in campo internazionale.

Amato da poeti e scrittori come Lorenzo Mondo, Davide Lajolo, Nuto Revelli, Mario Rigoni Stern,
Laura Mancinelli, Nico Orengo, Ernesto Caballo, Renzo Guasco, Marco Franceschetti, Edoardo Ballone
che gli hanno dedicato pagine bellissime riunite nel volume “Caro Tino… lettere a un amico pittore”e che hanno accompagnato le sue cartelle di incisioni.

Dal 1963 ad oggi ha esposto incessantemente e conseguito riconoscimenti in Italia, Germania, Francia e Romania.

In Provenza, ha inciso e dipinto il mondo di Federico Mistral.
Queste opere sono state esposte in una mostra itinerante nei musei di Gap, Marseille, Digne, Draguignan, Aix en Provence e Nice.

Dal 1983 le sue opere sono presenti sul prestigioso catalogo Prandi di Reggio Emilia.

Nel 1997 la Provincia di Torino ha realizzato un calendario interamente dedicato alla grafica di Aime.

Bozzetto francobollo commemorativo di Galileo Ferraris, nel centenario della morte: emissione il 7 febbraio 1997.

La Regione Piemonte gli dedica una personale nel Palazzo della Regione a Torino.

Realizza il dipinto per il Palio di Susa nel 1997 e il bozzetto per il biglietto della Lotteria Italia Susa-Moncenisio.

Altre mostre:
Palazzo Robellini, Acqui Terme – Palazzo della Provincia, Cuneo – Museo Casa Cavassa, Saluzzo – Museo Salvini,Trevisago (Varese) – Castello Trostburg, Ponte Gardena (Bolzano) – Abazzia della Novalesa 1997 – Collezione Bertarelli, Castello Sforzesco Milano – Sala Fraiteve, Sestriere 1998 – Premio speciale della Giuria alla IV Biennale Nazionale dell’Incisione, Acqui Terme 1999 – Biblioteca Civica A. Arduino, Moncalieri 1999 – Palazzo delle Feste, Bardonecchia 2000/2001 – Sala Fraiteve, Sestriere 2000 – Castello Malgrà, Rivarolo Canavese 2001 – Convegno “Minoranze Linguistiche”,
Lanzo 2002 – “Colori ed emozioni” antologia, Chiesa si San Giovanni in Borgo Vecchio, Fossano 2002

Piccolo omaggio a Bach

Piazza Federico Mistral, non potevano offrirmi uno spazio migliore per collocare il mio “divertissement” assemblato coi resti di un vecchio tino del 1700 buttato alle ortiche.
Quale occasione più bella per ricordare il mio “Amico” Frédérich?
La sua e la mia Provenza con una fetta di pateco, bella fresca, seduti sotto i platani a veder giocare alle petanque.
Ben altra cosa “omaggiare” Johann Sebastian Bach, il più grande monumento della musica, il grande genio!

La nota più alta, quella centrale della mia opera, non dovrebbe finire mai.

Altre opere

aimeamazas aimefrescura
aimenatura aimequadro

Gli artisti:

Tino AimeSergio AlbanoAntonio CarenaChen LiLia LaterzaSandro LobalzoKurt MairMario MolinariGiacomo SoffiantinoLuciano SpessotFrancesco TabussoSergio UniaElisabetta Viarengo Miniotti

Torna alla pagina principale del museo all’aria aperta

I commenti sono chiusi.